giovedì 29 luglio 2010

Dalla fotografia al cinema il passo è breve



Dall' idea di Andra Bertini, regista emergente con il cervello in continua ebollizione (forse

è per questo che i suoi capelli sono ricci), è nata una docu-fiction. 
Il tema trattato è il movimento delle discoteche, degli after hours, delle persone e dei luoghi che hanno visto la nascita, lo splendore e la fine della progressive nella prima metà degli anni 90. 
Cosa c' entro io che non ho mai vissuto la progressive? che ho sempre evitato le nottate in discoteca? io che amo la tranquillità e fuggo sempre dalla confusione? 
La risposta è semplice, Andrea mi ha proposto di curare la direzione della fotografia, dopo averci ben riflettuto per 5 secondi ho accettato l' incarico.
Adesso stiamo lavorando alla parte "docu", quindi riprese ai lughi in cui si è svolta la scena, interviste alle stars del movimento, (DJs, proprietari di locali, vocalist ecc). e dei frequentatori.

Nella foto alcuni membri dello staff: Andrea che scambia effusioni con un lastolite, Irene e Fabio intenti a discutere di videocamere.

1 commento:

  1. Ciao,
    volevo lasciare anche qui la mia proposta!
    Volevo vedere se qualche appassionato di fotografia (zona Milano o disposto a raggiungere Milano) fosse disposto a passare una giornata con la reflex insieme ad altre persone che condividono la stessa passione.
    Per altre informazioni potete vedere il link all'articolo :
    http://www.goccia.netsons.org/?p=444
    Grazie!

    RispondiElimina